IL NOSTRO
CLUB


La nostra storia

Il club ippico la palma, affiliato alla f.i.s.e.( federazione italiana sport equestri) è il posto ideale per chi intende praticare l’equitazione sia a livello agonistico che amatoriale o per chi si avvicina per la prima volta a questo meraviglioso sport. Il centro ippico la palma ha iniziato la sua attività nel 1985 e ad oggi organizza manifestazioni a livello regionale e nazionale, ed è dotato di moderne e funzionali strutture. le discipline svolte dal centro sono principalmente il salto ostacoli e il dressage.

Il salto ostacoli è un termine che identifica una disciplina dell'equitazione, la quale vede impegnato il binomio uomo-cavallo, nell'interpretazione e risoluzione di un percorso ad ostacoli. Nell'accezione comune, si parla di concorso ippico. L'altezza degli ostacoli, la difficoltà del percorso e il numero di ostacoli da superare dipende dalla categoria alla quale si partecipa e dalla preparazione atletica di cavallo e cavaliere. L'altezza degli ostacoli varia dagli 60 cm a 1,60 m (e possono superare i 2 metri nelle gare di potenza) con categorie intermedie di 60, 70, 80, 90, 100, 105, 110, 115, 120, 125,130, 135, 140,145, 150, 160 (il gran premio è la categoria di salto di maggiore difficoltà tecnica , dotata del montepremi più alto della giornata e non è sempre e necessariamente la categoria più alta del concorso). Il numero di ostacoli varia da 6 a 13 con eventuali combinazioni di più ostacoli dette gabbie.

Il dressage rappresenta il livello superiore di addestramento di un cavallo, destinato a portarlo a una completa obbedienza in modo da rispondere ai minimi ordini del cavaliere ed eseguire figure e movimenti con un notevole livello di perfezione e di eleganza. I movimenti, gli esercizi e le figure che vengono eseguiti nell'equitazione superiore, o alta scuola, sono definiti “arie”; queste si distinguono in basse e alte. Le prime sono quelle eseguite dal cavallo mantenendo costantemente il completo contatto con il terreno; nelle seconde, il cavallo, per un tempo dipendente dal suo grado di istruzione e dalla preparazione atletica, abbandona completamente il contatto con il terreno con tutto il corpo o soltanto con il treno anteriore.


  • In sella ad un cavallo l’uomo può riuscire a placare il suo slancio verso l’infinito. A sentirsi, anche solo per un istante, più vicino al cielo.